By URL
By Username
By MRSS
Enter a URL of an MRSS feed
 
or

Circa 400 Bikers provenienti da ogni parte della Sicilia e da oltre regione, si sono dati appuntamento a Favara in occasione del terzo motoraduno, dedicato per il secondo anno consecutivo, alla memoria del giovane Giuseppe Bosco scomparso nel 2008. La manifestazione organizzata dall'A.S.D. Favara Motoraduni si è sviluppata in due giornate. La giornata di sabato è stata dedicata ai primi momenti conviviali, di ritrovo con i vecchi amici amanti delle moto, mentre domenica è stata dedicata alla passeggiata motociclistica. L'appuntamento per la serata di sabato, complice il bel tempo, ha visto i bikers passare una splendida serata sotto le stelle, mangiando e bevendo la tradizione birra. C'è stato anche il concerto del gruppo Manalia. Musica ad alto livello che, a tutto volume, ha tenuto compagnia i partecipanti. Domenica mattina l'appuntamento era davanti il "Bar Casello" di C.so Vittorio Veneto a Favara (luogo di partenza del motoraduno), c'è stato il tributo che i motociclisti hanno dedicato al giovane favarese Bosco, che da tradizione, occhi al cielo e con il suono dei clacson ed il rombo delle moto a tutto gas, hanno ricordato l'amico scomparso. Non era un raduno tematico. Erano ammesse tutte le categorie di moto, anche se la prevalenza è stata di "custom". Per l'occasione ai nastri di partenza anche alcune auto fuoriserie, infatti al sogno americano delle Harley Davidson si contrapponeva la risposta automobilistica italiana della Ferrari, bolide quest'ultimo che per l'occasione ha accolto il neo sindaco di Favara Rosario Manganella, presente insieme al Vice, Angelo Messinese. Quindi poi il giro in motocicletta. Tutto è filato liscio, grazie anche al servizio svolto dai volontari di protezione civile della locale sezione degli Operatori di Sicurezza di Riccardo Montalbano ed alla precisa organizzazione dei ragazzi organizzatori. Moto e motociclisti hanno suscitato la curiosità dei cittadini dei luoghi attraversati dalla lunga colonna rombante...