By URL
By Username
By MRSS
Enter a URL of an MRSS feed
 
or

http://www.donna10.it/no-tav-info-parla-il-ragazzo-aggredito-dalla-polizia-9699.htmlFabiano Di Berardino, 30 anni, origini abruzzesi, da otto anni esponente del centro sociale Tpo di Bologna. C'era anche lui in quella che in breve tempo è divenuta una battaglia vera e propria tra manifestanti No Tav e forze dell'ordine a cui da domenica vengono rivolte accuse pesanti e che ledono ancora una volta l'immagine di una società evidentemente incapace di gestire situazioni di questo genere.E a poche ore dalla follia esplosa per le strade della Maddalena Fabiano si è ritrovato ricoverato al Cto di Torino con ferite, un naso rotto e lesioni che pur volendo non potrebbero essere nascoste neanche alla vista di chi vorrebbe continuare a far finta di non aver visto e sentito nulla.Ma Fabiano è pronto a denunciare l'accaduto e lo fa in un video che in rete ha già risvegliato l'indignazione di gran parte dell'opinione pubblica, con un testimonianza cruda, ferma, decisa e tristemente reale."Ero lì davanti alla rete, mi hanno preso, pestato in dieci, calci, pugni e manganelli. Sputi e insulti. Poi mi hanno trascinato nel gabbiotto dei lacrimogeni, dove è arrivato il colpo più duro, una tubo di ferro, quello per il gas o l'acqua, sul naso. Mi hanno massacrato."Ma la disavventura del giovane, che va ad unirsi a quella di tanti altri manifestanti lontani dai principi di coloro che avrebbero piacere di inserirli nella schiera dei black bloc, non è finita qui.L'hanno gettato a terra per poi urinargli addosso ed abbandonarlo lì per ore sotto il sole.Ma a smentire le parole di Fabiano Di Berardino sono giunte nell'immediato quelle della questura di Torino: "È stato tenuto in luogo aperto e sotto attenta vigilanza del personale addetto ai soccorsi, senza che mai ne venisse lesa la dignità personale." Dov'è la verità?